Montereggio paese dei librai

dal 2004 membro di IOB
INTERNATIONAL ORGANISATION OF BOOK TOWNS

www.booktown.net



:: L'edizione 2013 :: Edizioni precedenti :: Come arrivare :: Ospitalità :: Contatti :: Galleria fotografica :: Download


L. BISIGNANI, P. MADRON    "L'uomo che sussurra ai potenti"    Chiarelettere


L' uomo che sussurra ai potenti. Trent'anni di potere in Italia tra miserie, splendori e trame mai confessate (Chiarelettere, 2013) è libro-ammissione di Luigi Bisignani, che per oltre trent’anni si è trovato al centro delle più inquietanti trame di potere che hanno condizionato la Prima e la Seconda Repubblica. Nel libro, organizzato in forma di intervista realizzata da Paolo Madron, una delle firme più note e apprezzate del giornalismo d’inchiesta, Bisignani racconta da un punto di vista finora nascosto un’intera epoca: dalla politica alla finanza, dalla nomine nella pubblica amministrazione ai media. Dietro le sue parole si celano protagonisti noti, da Andreotti a Papa Giovanni Paolo II, dalla P2 a Geronzi, da Berlusconi a Bergoglio. Non ci sono operazioni in cui Bisignani, ritenuto uno degli uomini più potenti d’Italia, non abbia in qualche modo messo lo zampino. Delle volte come semplice consigliere, delle altre come autentico regista di operazioni al limite dell’incredibile: sempre, comunque, nell’ombra, in quel cono oscuro che si è saputo ricavare e dal quale riusciva a tessere le fila di impressionanti macchinazioni.

Luigi Bisignani
, fratello di Giovanni, nasce a Roma 1953. Giornalista. Figlio di un alto dirigente della Pirelli, laurea in Economia, già capo dell’ufficio stampa del ministro del Tesoro Gaetano Stammati nei governi presieduti da Giulio Andreotti tra il ‘76 e il ‘79. Nell’81 (era redattore Ansa) il suo nome comparve negli elenchi della P2 rinvenuti a Castiglion Fibocchi. Nel 1989 viene distaccato dall'Ansa, dove è caporedattore, al comitato organizzatore di “Italia 90”, il cui direttore generale è Luca Cordero di Montezemolo. Dal 92 è direttore delle relazioni esterne del gruppo Ferruzzi e direttore generale della sede di Roma (da cui dipendevano il Messaggero e Telemontecarlo). Nel 1993 la procura di Milano chiede il suo arresto per violazione della legge sul finanziamento pubblico dei partiti (inchiesta Enimont, la “madre di tutte le tangenti”). Costituitosi il 7 gennaio ‘94, nel ‘98 è condannato a 2 anni e sei mesi. Nel 2002 viene radiato dall’Ordine dei Giornalisti (“ha svolto con continuità attività lucrose costituenti reato e afferenti a compiti del tutto estranei alla professione giornalistica...”). Executive vice president for international business del gruppo Ilte Pagine Gialle, nel 2007 la procura di Catanzaro l’accusa di associazione a delinquere, truffa, violazione della “legge Anselmi” sulle associazioni segrete (inchiesta Why not avviata dal sostituto procuratore Luigi De Magistris su un presunto comitato d’affari che in Calabria avrebbe “dirottato e gestito fondi pubblici provenienti dalla comunità europea”), il Tribunale del riesame di Catanzaro annullò però tutti gli atti relativi al suo coinvolgimento. È autore di romanzi di successo come Il sigillo della porpora, e Nostra signora del Kgb.
Paolo Madron è stato vicedirettore di “Panorama”, inviato de “Il Sole 24 Ore”, e attualmente dirige il quotidiano online Lettera43.it. Il suo libro più recente è Storia segreta del capitalismo italiano (con Cesare Romiti).


 

torna alla home << 


 

 

montereggio.it 2013  - all rights reserved